Ecografia in gravidanza: cosa si vede nel primo trimestre?

Ecografia in gravidanza: il continuo miglioramento della qualità degli ecografi oggi consente di studiare già nei primi mesi di gravidanza l’anatomia del feto.

In questo articolo verranno fornite alcune informazioni sulle tempistiche e le tecniche con cui viene effettuata l’ecografia, focalizzandosi su ciò che è possibile vedere già nel primo trimestre. Inoltre verrà presentato l’ecografo E-CUBE 11: il primo ecografo Alpinion con Beamformer HD Full Digital.

Ecografia primo trimestre: quando e perché si fa

Questo tipo di esame viene eseguito tra le 6 e le 12 settimane di gravidanza, periodo durante il quale è opportuno effettuare almeno due controlli ecografici.

In particolare, la prima ecografia consente di valutare la sede della gravidanza (extra o intra uterina ), il numero di embrioni (gravidanza singola o gemellare), il battito cardiaco dell’embrione ed eventuali anomalie che potrebbero complicare la gravidanza.

Come si fa l’ecografia ostetrica

L’ecografia nel primo trimestre si può effettuare in due modi:

  • con sonda transaddominale convex mantenendo la vescica piena
  • con sonda transvaginale a vescica completamente vuota

Quale differenza?

L’ecografia transvaginale consente di ottenere immagini più precise e dettagliate, poiché la sonda riesce ad avvicinarsi maggiormente agli elementi da esaminare e non viene ostacolata dagli organi (come la vescica) e dagli strati adiposi che invece incontra l’ecografia transaddominale.

Inoltre, le frequenze utilizzate sono più elevate; ciò consente una visione migliore di dettagli anatomici dell’utero, ovaie ed endometrio, che invece non possono essere riprodotte con la transaddominale.

Tuttavia anche l’ecografia transaddominale rappresenta un esame di fondamentale importanza: molto spesso viene associata a quella transvaginale in modo da avere una visione globale dello stato degli organi pelvici.

 

Ecografia terzo mese: cosa si vede

Ecografia entro il terzo mese di gravidanza con Alpinion ECUBE 11
Verso la fine del primo trimestre, è già possibile osservare gli arti superiori e inferiori – addirittura talvolta è possibile contare le dita delle mani – il profilo del feto, alcuni organi interni come lo stomaco, la vescica e il cranio. L’ecografo consente anche di valutare lo stato della placenta, del liquido amniotico e del collo dell’utero.

 

Gli ecografi Alpinion

Alpinion da anni produce ecografi di elevato livello tecnologico per il medical imaging, come per esempio l’E-CUBE 11, che consentono di iniziare ad osservare anche il cuore del feto così da ricavare immagini che permettono al ginecologo di effettuare una prima verifica della buona salute e formazione dell’apparato cardiaco.

Ciò è molto importante per poter individuare eventuali malformazioni o possibili patologie del feto e/o della madre durante la gravidanza.

Grazie ai suoi algoritmi di elaborazione del segnale digitale e di imaging, E-CUBE 11 offre una qualità dell’immagine ad alto valore diagnostico; l’integrazione ottimizzata con i trasduttori Alpinion permette di massimizzarla e ridurre gli artefatti così da ottenere diagnosi più precise.

Inoltre l’ecografo è stato ri-progettato in maniera tale da semplificare l’operatività dell’ecografista. L’interfaccia touchscreen, molto intuitiva, è infatti pensata per ridurre al massimo i tocchi necessari per la selezione delle funzioni.

Il risultato è una maggiore concentrazione del medico verso il paziente e, di conseguenza, risposte rapide e precise.

Post by Raffaella