L’ernia inguinale nei bambini

L’ernia inguinale nei bambini è una patologia molto diffusa: colpisce 1 bambino su 100 ed è più frequente nei prematuri. Tendenzialmente viene identificata attraverso valutazione clinica, ma per uno studio di più approfondito della patologia e delle sue eventuali complicanze può essere utile ricorrere a un esame ecografico.
In questo articolo passeremo in rassegna le cause e i sintomi dell’ernia inguinale nel bambino e presenteremo l’ecografo E-Cube 11 di Alpinion che permette di semplificare e razionalizzare il flusso di lavoro dell’ecografista giorno per giorno.

Cos’è l’ernia inguinale

Con il termine “ernia” si intende la fuoriuscita di un viscere, o di parte di esso, dalla cavità che normalmente lo contiene. Nello specifico, l’ernia inguinale consiste nella fuoriuscita nella zona dell’inguine di un’ansa dell’intestino che si trova nel canale inguinale, cioè l’apertura che mette in comunicazione la cavità dell’addome, in cui sono contenuti l’intestino e gli altri visceri, con lo strato più esterno della parete addominale, all’altezza del pube. L’ernia inguinale nei bambini ha origine completamente diversa da quella dell’adulto: nel bambino è dovuta alla mancata chiusura del dotto peritoneo-vaginale: il canale che, nel maschio, è deputato alla discesa del testicolo nel sacco scrotale. L’ernia inguinale uno dei problemi chirurgici più frequenti durante l’infanzia ed è più comune nei maschi rispetto alle femmine. Nelle bimbe il dotto peritoneo-vaginale è meno sviluppato e sbocca sotto la pelle all’altezza dell’osso del pube che costituisce la parte anteriore del bacino. L’ansa intestinale che fuoriesce si spinge verso la superficie dell’addome e può coinvolgere nello spostamento anche parte degli organi genitali.

I sintomi dell’ernia inguinale

In generale, l’ernia inguinale può provocare:

  • Un rigonfiamento nella zona su entrambi i lati dell’osso pubico
  • Sensazione di bruciore o dolore nella zona dove è presente il gonfiore
  • Dolore o fastidio all’inguine
  • Una sensazione di pesantezza inguinale

Nei bambini solitamente l’ernia inguinale non provoca dolore e non è sempre semplice da vedere: si presenta come una pallina che a volte può essere visibile solo quando il bimbo sta piangendo, tossisce o durante uno sforzo intestinale, oppure se lo si mette in piedi poiché l’ernia viene accresciuta dalla pressione all’interno dell’addome.

La diagnosi

Al pediatra è sufficiente solitamente una visita per individuare la presenza di un’ernia inguinale. Nei maschi, se lo scroto è gonfio, il medico in genere ricorre al metodo della trans illuminazione che consiste nell’illuminare lo scroto dal retro con una pila così da non confondere l’ernia con un altro disturbo: l’idrocele. In alcuni casi il pediatra può ritenere utile prescrivere un’ecografia in modo da individuare con chiarezza le caratteristiche dell’ernia inguinale: la posizione, le dimensioni e le parti coinvolte. Questo esame non è invasivo né doloroso, non procura alcun danno al bambino e consente di escludere eventuali complicanze. Per ottenere immagini ecografiche di elevatissima qualità che permettano diagnosi sicure, Alpinion ha realizzato prodotti all’avanguardia, come E-Cube 11 che, grazie agli algoritmi di elaborazione del segnale digitale e di imaging, è in grado di offrire una qualità dell’immagine costante. L’integrazione ottimizzata con i trasduttori Alpinion massimizza la qualità dell’immagine e riduce gli artefatti permettendo diagnosi migliori.

Post by Raffaella