Piometra nel gatto: diagnosticarla con E-Cube i7 Vet

La piometra nel gatto è una malattia causata da un’infiammazione dell’utero e colpisce dunque gli esemplari di sesso femminile. Nelle prossime righe, dopo un breve excursus sulla patologia, presenteremo E-Cube i7 Vet: l’ecografo compatto e ad altissima precisione che Alpinion ha realizzato appositamente per il mondo veterinario.

Perché è importante diagnosticare per tempo la piometra nel gatto

La piometra è un’infezione purulenta cronica a carico dell’utero. Alla base di questa patologia c’è sempre uno squilibrio di tipo ormonale che, con il tempo, genera dapprima dispalsia e poi piometra vera e propria. Questa infezione si riscontra frequentemente nelle gatte piuttosto anziane che non hanno mai avuto parti o che hanno partorito da molto tempo, o anche nel caso in cui si sia fatto largo uso di anticoncezionali per ritardare il ciclo sessuale. La piometra può manifestarsi “a cervice aperta”, quando cioè il pus defluisce all’esterno e fuoriesce dalla vagina come perdita di liquido denso e maleodorante, oppure ” chiusa”, quando il pus prodotto rimane all’interno dell’utero che si trasforma in una sacca.
Se l’infezione progredisce, e non viene intrapreso nessun trattamento, c’è infatti il rischio che la cervice si chiuda, impedendo così il drenaggio del pus verso l’esterno. Questa situazione risulta pericolosa per la salute o addirittura per la vita del gatto in quanto aumenta la probabilità che si sviluppi setticemia. E’ dunque importante diagnosticare per tempo questa patologia in modo da intervenire nel modo più adeguato.

Diagnosi con E-Cube i7 Vet di Alpinion

La diagnosi della piometra nel gatto avviene innanzitutto con una visita in cui il veterinario analizza i sintomi ed esegue un esame vaginale per escludere la presenza di tumori o altre anomalie. Indicazioni utili vengono fornite anche dagli esami del sangue – volti a individuare un numero eccessivo di globuli bianchi che potrebbe indicare la presenza di infezioni – e dagli esami delle urine.
Per un responso certo, tuttavia, è necessaria la diagnostica per immagini: un’ecografia addominale consente di fugare ogni dubbio e di stabilire l’interessamento di uno o di entrambi i corni uterini, la quantità di materiale accumulato e soprattutto le condizioni della parete uterina. Con ecografi all’avanguardia, come il portatile E-Cube i7 Vet di Alpinion, è possibile ottenere immagini ad altissima risoluzione così da effettuare diagnosi estremamente precise. Merito di tecnologie quali PITHI (Phase Inversion Tissue Harmonic Imaging) e FTHI (Tissue Harmonic Imaging filtrato) che permettono di ottenere immagini rapide e pulite. Inoltre la tecnologia FlexCan Architecture ™ garantisce prestazioni di imaging stabili, per tutto il ciclo di vita dell’ecografo, e un facile aggiornamento del software. Il tutto in un corpo agile e compatto, del peso di soli 7 kg.

Post by Raffaella