Tecnologia HIFU: la soluzione non invasiva per il trattamento di fibromi uterini e non solo

HIFU è l’acronimo di High Intensity Focused Ultrasound: la tecnologia ad Ultrasuoni Focalizzati ad Alta Intensità. HIFU si riferisce ad una tecnica di terapia innovativa e molto precisa con la quale possono essere distrutte alcune forme tumorali come il fibroma uterino senza incisione chirurgica né inserimento di aghi o cateteri.

I raggi ad ultrasuoni della tecnologia HIFU vengono focalizzati sulla parte da trattare, all’interno del corpo, e guidati grazie a comuni metodiche di medical imaging impiegate nella diagnostica clinica come l’ecografia. L’ecografia, consentendo la visione in “tempo reale” degli organi interni, garantisce una alta precisione durante la procedura tramite gli ultrasuoni HIFU sulle specifiche parti degli organi da trattare.

Trattamento HIFU dei fibromi uterini

Una delle principali indicazioni della tecnologia HIFU è rappresentata dai fibromi uterini. Il trattamento con ultrasuoni HIFU dei fibromi uterini è ormai considerata una valida alternativa ad approcci più invasivi come la miomectomia o l’isterectomia. In particolare, in pazienti selezionate, il trattamento può consentire di evitare l’asportazione dell’utero con tutte le conseguenza che questo intervento chirurgico comporta.

Il principio sul quale si basa la terapia con tecnica HIFU è la concentrazione dei raggi di energia all’interno del corpo umano sul bersaglio da trattare tramite un trasduttore, attraversando la cute ed i tessuti interposti.
Il trasduttore è in sostanza un dispositivo che riproduce un suono ad alta frequenza (ultrasuono) e lo concentra in un punto preciso. L’energia acustica viene quindi concentrata nel punto focale (come il vertice di un cono) e trasferita sul bersaglio che viene quindi distrutto in funzione di tre principali fenomeni fisici:

  1. l’aumento della temperatura fino a valori che danneggiano irreversibilmente le cellule colpite;
  2. la cavitazione, che disgrega violentemente i tessuti a causa dell’elevata energia che lo colpisce;
  3. la coagulazione e occlusione dei piccoli vasi ematici, con conseguente interruzione del flusso di sangue ai tessuti colpiti.

Poiché durante il trattamento non viene prodotta alcune cicatrice e nessun tessuto, oltre quello malato, viene “toccato”, il ricovero in ospedale è brevissimo ed anche la convalescenza è estremamente veloce e più rapida rispetto ad un intervento chirurgico tradizionale.

(Fonte: Istituto Europeo di Oncologia – www.ieo.it)

Dal 2007, ALPINION ha un ruolo di primo piano in progetti di ricerca e sviluppo per implementare le tecnologie HIFU ad ultrasuoni focalizzati combinandole a quelle del medical imaging in sistemi elettromedicali come VIFU 2000 e ALPIUS 900.

Post by Raffaella